Monastero Montevergine

Giacomo ChilléMessina, Storia e Cultura

Monastero Montevergine

L’11 giugno 1988, per la prima volta nella storia della chiesa cattolica, Papa Giovanni Paolo II venne a Messina per proclamare Santa Eustochia Calafato, chiamata poi dallo stesso papa “la santa all’inpiedi”.
Il complesso religioso fondato dalla santa messinese, all’inizio del suo apostolato, fu ingrandito e modificato diverse volte.
Il terremoto del 1908 risparmiò la cappellina dove veniva conservato il corpo incorrotto della santa, mentre la chiesa e

  • duomo campanile
  • duomo campanile
  • duomo campanile
  • duomo campanile
  • duomo campanile

il monastero furono ricostruiti utilizzando i resti recuperati, tant’è che il prospetto è identico a quello pre-terremoto, e riaperti al culto nel 1929.
Tra le cose più preziose si conservano una grande pala sull’altare maggiore, raffigurante la “Madonna degli Angeli con S. Francesco e Santa Chiara” del 1658 attribuita al Quagliata; “San Francesco che riceve le Stimmate” del sec. XIX; un “San Biagio” di G. Corsini e un libretto trovato nel 1681, addosso alla Santa, contenente la prima regola di Santa Chiara.
Il sindaco della città, ogni anno, proseguendo un’antica tradizione risalente al 1777 e voluta dal senato messinese, offre alla santa un cero votivo durante una solenne celebrazione eucaristica.

Vuoi conoscere il Monastero Montevergine ?

Il Monastero di Montevergine è una tappa dei seguenti tour. Non perdere l’opportunità di vederlo con i tuoi occhi!

Servizi Turistici

Carriage

Taxi

Walking

Pacchetti servizi turistici

Hai qualche dubbio?

Se vuoi ulteriori informazioni oppure se hai qualche dubbio o domanda su questo posto, contattaci. Ti risponderemo il più presto possibile.