Tomba di Antonello da Messina

Giacomo ChilléMessina, Storia e Cultura

Tomba di Antonello da Messina

Antonello nacque a Messina nel 1430. Oltre a essere il massimo esponente della pittura siciliana del XV secolo fu anche uno dei più grandi artisti rinascimentali e della pittura fiamminga in Italia, tanto che le sue opere divennero celebri in tutto il mondo. Nel 1479 morì nella sua città natale e nel testamento chiese di essere sepolto presso il Monastero di S. Maria di Gesù con indosso un saio monacale.

  • duomo campanile
  • duomo campanile
  • duomo campanile
  • duomo campanile
  • duomo campanile

Le origini del plesso risalgono al 1200, allorquando i carmelitani fondarono un convento, i cui locali furono successivamente occupati dall’ordine cistercense. La rinascita del monastero sotto il nome di Santa Maria si deve ai minori osservanti di San Francesco, nel 1418. Gli stessi, nel 1463, ne fondarono un altro con lo stesso nome in città (da qui la distinzione tra i due in “Superiore” e “Inferiore”). Le alluvioni del 1855 e del 1863 danneggiarono il complesso, compresa la chiesa, ricostruita nel 1858. Danni definitivi furono arrecati dal terremoto del 1908. Dell’antico monastero rimangono oggi cospicui resti, venuti alla luce nel 1989, presso i quali trovò sepoltura uno dei figli più illustri della città dello stretto: Antonello da Messina.

Vuoi conoscere la Tomba di Antonello da Messina?

La Tomba di Antonello da Messina è una tappa dei seguenti tour. Non perdere l’opportunità di vederlo con i tuoi occhi!

Servizi Turistici

Taxi

Hai qualche dubbio?

Se vuoi ulteriori informazioni oppure se hai qualche dubbio o domanda su questo luogo, contattaci. Ti risponderemo il più presto possibile.