Una Domenica al Borgo di Patti

Mariarita Faudale Arte e Musei, Borghi di Sicilia, Mare e Natura, Messina, Sicilia orientale, Storia e Cultura Leave a Comment

Tra i luoghi facenti parte della provincia di Messina è sicuramente da non perdere il comune di Patti.
Oggi, per storia e indotto economico-turistico, è il più importante centro della fascia tirrenica messinese. E' situato al centro dell'omonimo golfo che va da capo Milazzo a capo Calavà, su una collina che si affaccia sul Mar Tirreno.
Le notizie sull'origine di Patti risalgono sicuramente al periodo romano grazie alle testimonianze di varie necropoli e della Villa Romana Patti. Durante il periodo normanno sappiamo che il conte Ruggero I di Sicilia fondava a Patti il monastero benedettino del SS. Salvatore.
Nel 1131 nacque la diocesi di Patti e Lipari, facendo in questo modo sviluppare e crescere il centro abitato che assunse grande importanza economica e amministrativa in tutto il comune messinese.
Durante il Regno delle Due Sicilie, Patti divenne capoluogo di distretto, durante il Regno d'Italia invece capoluogo di circondario e vennero istituiti il Tribunale, il carcere, la compagnia Carabinieri, il regio Ginnasio e altre scuole e uffici. Furono costruiti anche un teatro, un nuovo ospedale e la villa comunale Umberto I. Fino alla Seconda Guerra Mondiale l'economia era molto florida ed era basata in particolare sull'agricoltura, sulla pesca ma anche sull'industria delle ceramiche.
Nel secondo dopo guerra si è avuto uno sviluppo edilizio molto fiorente grazie alla nascita di vari quartieri tra cui quello di S. Antonino fino a quando si giunse, alla fine degli anni settanta, alla fusione di Patti alta, zona storica, con Patti marina, oggi centro turistico e balneare.

Patti Messina cosa vedere a cominciare dalla Villa Romana

Da dove iniziare a visitare questa meravigliosa cittadina se non dalla Villa Romana Patti? Il suo ritrovamento si deve ai lavori per la costruzione di una parte dell'autostrada Messina - Palermo nel 1973. Da questi ritrovamenti si riuscì a datare la struttura in epoca tardo imperiale romana e oggi si possono distinguere quattro nuclei principali:

  1. Un ingresso secondario a Ovest;
  2. Il nucleo di rappresentanza costituito dal grande peristilio porticato;
  3. Un grande portico all'estremità nord del complesso;
  4. Gli impianti termali a nord-est del peristilio.

Tutta questa parte corrisponde al nucleo centrale della villa. Erano presenti delle decorazioni e dei mosaici, soprattutto nell'aula absidata che oggi sono purtroppo andati perduti. Si conservano però le pavimentazioni del peristilio e quelli del triconco. Per quanto riguarda il peristilio, il mosaico si compone di pannelli quadrati inseriti in ghirlande d'alloro; il triconco invece consiste in medaglioni circolari e ottagoni curvilinei.
Da non perdere è sicuramente la cattedrale di Patti dedicata oggi a San Bartolomeo e che è il maggior luogo di culto di Patti. E' stata costruita per volere del Gran Conte Ruggero I d'Altavilla su una preesistente chiesa bizantina ed, inizialmente, era dedicata al SS. Salvatore. All'interno della cattedrale si possono ammirare diverse opere d'arte di un certo spessore e prestigio: la tavola raffigurante la Madonna con Bambino, attribuita ad Antonello da Saliba, del 1531 che si trova di fronte l'altare dell'Adorazione dei Pastori. Quest'ultimo si trova sulla sinistra della chiesa e prende il nome dalla tela raffigurante appunto l'Adorazione dei Pastori, opera attribuita al pittore fiammingo Borremans del 1725 circa. In basso possiamo vedere raffigurati due "galletti" che rappresentano il chiaro riferimento al cognome del committente, il vescovo Mons. Galletti, che ha guidato la diocesi di Patti dal 1723 al 1729. Da non perdere anche la tela raffigurante l'apostolo San Bartolomeo, titolare della Basilica Cattedrale di Patti e Patrono della città, colto nel momento in cui offre alla Madonna lo strumento del suo martirio, il coltello, e presenta la sua pelle. Secondo la tradizione, infatti, San Bartolomeo è stato scorticato vivo.

Unisciti a noi alla scoperta della meravigliosa e suggestiva città di Patti Sicilia, domenica 2 Febbraio. Ottieni tutte le informazioni a questo link!